Kitesurf d’inverno? In Sardegna, con la KiteGeneration, si può!

Punta Trettu Kite Beach

Ti stai chiedendo dove si possa fare kitesurf d’inverno? Vorresti imparare ad andare in kitesurf e ti stai chiedendo se sia possibile farlo anche durante la stagione invernale? In Sardegna, con noi della KiteGeneration, si può! Viste le prolungare la vacanza tenendo aperto anche nel periodo invernale …
Natale al caldo nell’isola COVID free .
[23:11, 8/10/2020] Kite Adrian Instructor: Viste le vostre richieste

Kitesurf e Sardegna: un connubio perfetto che non conosce stagioni

La Sardegna è decisamente una delle destinazioni preferite da tantissimi appassionati di kitesurf che considerano questa fantastica isola una delle loro destinazioni ideali per la pratica di questo sport. Qua in Sardegna, questo adrenalinico sport non conosce stagioni e si può praticare tutto l’anno. Temperature miti, isola facilmente raggiungibile con voli da tante città europee e traghetti quasi sempre accessibili, sistemazioni per tutti i gusti e per tutte le tasche, sole e vento sono fattori che fanno della Sardegna un paradiso del kitesurf anche d’inverno!

Sia il nord che il sud della Sardegna offrono tanti spot per la pratica del kitesurf, ma sebbene Porto Pollo sia molto più conosciuto pin virtù degli eventi velici che si sono svolti nel passato, il sud dell’isola è decisamente meglio, con una scelta più ampia di spot per tutti i livelli, con temperature più calde rispetto al nord e con venti più frequenti e costanti. Spostandosi tra gli spot vicino a Cagliari, tra Punta Trettu, Chia, Villasimius e Costa Rei, la percentuale di uscite in kite sarà altissima! E alcune di queste uscite in kite saranno memorabili!

Vento in Sardegna d’inverno

In Sardegna anche d’inverno, i venti predominanti sono il Maestrale (proveniente da Nord Ovest), lo Scirocco (proveniente da Sud Est) e il Grecale (proveniente da Nord-Est).

Il Maestrale d’inverno soffia solitamente in maniera violenta e nella costa sud occidentale è molto più costante e pulito rispetto al alle coste del nord dell’isola. Lo scirocco soffia con più frequenza nei mesi estivi, ma anche d’inverno non sono rare delle giornate con un bello scirocco, soprattutto nel sud della Sardegna. Da tenere in considerazione anche il Grecale, vento solitamente impetuoso, che colpisce in maniera preponderante la parte sud-orientale dell’isola.

Le temperature in Sardegna d’inverno

In Sardegna i mesi invernali, da ottobre ad aprile, sono sicuramenti dei mesi estivi. Ad ogni modo le temperature sono miti e nelle giornate di sole è sempre piacevole entrare in acqua per una sessione di kite, con temperature tra i 15°  e i 24°.

La temperatura dell’acqua è abbastanza calda anche dinverno e oscilla tra i 14° e i 17°.

Imparare il kitesurf d’inverno in Sardegna

Punta Trettu Kite Beach
Kite Beach di Punta Trettu

La Sardegna infatti è una meta perfetta per per il kitesurf anche nei mesi considerati più freddi, quelli che vanno da Ottobre a Marzo? beh, la risposta è si! Come detto in precedenza, grazie alle temperature miti e all’alta percentuale di giorni ventosi, la Sardegna è un’ottima location per la pratica del kitesurf anche d’inverno, e imparare il kitesurf in Sardegna d’inverno è senza dubbio un’ottima scelta! E soprattutto ora che, a causa delle restrizioni per il COVID19, tanti Paesi considerati più caldi (come ad esempio i Caraibi) sono interdetti, una vacanza kitesurf in Sardegna è una meta più semplice da raggiungere, sia in nave che in aereo, per chi desidera aria aperta, libertà e tenersi in forma con questa bellissima attività sportiva.

La nostra scuola di kite propone corsi di kitesurf per tutti i livelli (per i corsi di kitesurf forniamo noi tutta l’attrezzatura) e, per chi lo desidera, possiamo fornire anche alloggi a Punta Trettu e a Cagliari.

Per informazioni sui corsi e sui nostri servizi, contattaci attraverso la nostra pagina contatti o via whatsapp.

Attrezzatura per la pratica del kitesurf d’inverno

Stai prendendo in considerazione l’idea di praticare o imparare il kitesurf d’inverno in Sardegna e ti stai chiedendo di che tipo di attrezzatura avrai bisogno per fare kitesurf?

Se sei una persona che vuole imparare il kitesurf o comunque fare un corso di kite per migliorare il suo livello , non ti dovrai preoccupare assolutamente di nulla! Per il corso di kite ti forniremo tutto noi, a partire dal kite, tavola e trapezio, fino alla muta, alle scarpette in neoprene per tenere proteggere e tenere al caldo i piedi, al k-way per proteggerti dal vento e alla giacca in neoprene per quando hai la muta addosso e stai in spiaggia a montare il kite o nell’acqua bassa a fare gli esercizi per imparare a manocrare il kite!

Giacca Neoprene Kitesurf
Giacca in Neoprene per il kitesurf

Se invece sei un kiter indipendente:

  • prima della sessione: non bisogna mai prendere fresso. Entrare in acqua infreddoliti è un errore da non commettere. Per non prendere freddo, consigliamo di essere sempre ben coperti. Se si ha la muta e non si entra subito in acqua, coprirsi con un giubbotto o con un giubbino in neoprene;
  • per la sessione: una muta da 5 mm per e magari un k-way per proteggerti dal vento (è soprattutto questo, e non l’acqua del mare, che può farti infreddolire). Qualcuno usa i calzari, ma muovendosi i piedi non prendono tanto freddo e utilizzando i calzari i piedi sono meno sensibili sulla tavola;
  • dopo la sessione: un asciugamano-poncho è l’ideale per asciugarsi e cambiarsi. Poi senza dubbio dei vestiti comodi, come una tuta, delle scarpe da ginnastica, una felpa e un cappuccio;
  • misura del kite: in Sardegna il vento può essere adatto all’hydrofoil come al big air. Bisogna verificare il meteo quotidianamente e adattare il materiale di conseguenza. Nei giorni di maestrale o grecale forte, soprattutto in inverno, il vento può facilmente superare i 30 nodi costringendoti ad utilizzare vele più piccole, dalla 7m in giù. In condizioni normali, misure tra la 9 e la 12 m sono le più usate.

Per chi lo desidera, possiamo anche vendere mute, giacche in neoprane, k-way, trapezi, kite, ect dei top brand Mystic e North Kiteboarding.

COVID e Kitesurf in Sardegna

La situazione COVID19 è in continua evoluzione e ogni Paese e regione applica le sue regole: Per questo motivo vi chiediamo di verificare quali siano le regole nel vostro luogo e cosa vi sia consentito fare.

Per quanto riguarda la Sardegna, il kitesurf è una attività che si può svolgere in quanto attività sportiva individuale. Qualcuno dice anche che il mare renda più difficile la trasmissione del corona virus .. sta di fatto che non ci risultano casi di COVID tra i praticanti il kitesurf. Al momento il kitesurf è uno sport COVD free!

 

3 motivi per fare kite in Sardegna d’inverno

1. La “stagione segreta”: d’inverno la Sardegna è poco affollata, il clima è ancora piacevolmente mite e l’isola diventa meravigliosamente tranquilla, con pochi turisti e spiagge quasi deserte. Tutto perfetto per delle fantastiche sessioni di kitesurf!

2. Voli e navi solitamente economici: puoi trovare voli abbastanza economici da molte città europee e se desideri venire col tuo mezzo, puoi prendere la nave da Genova, Livorno, Piombino e Roma!

3. Cibo, cultura e tradizione: dai momenti di pausa dal kitesurf, potrai gustarti con tranquillità i cibi tipici sardi, come formaggi e carne, e scoprire la cultura, la storia e le tradizioni della Sardegna.

Bonus vacanze con il decreto rilancio: da 150 a 500 euro per un corso di Kitesurf in Sardegna

Il Governo italiano, con il decreto Rilancio, ha previsto un pacchetto di misure a sostegno del settore turistico travolto dall’emergenza economica e sanitaria del Corona virus – Covid-19. Per cercare di favorire la ripresa dei flussi turistici nazionali a seguito dell’emergenza COVID-19, con il Decreto Rilancio, sono previsti dei bonus Vacanze da 150 a 500 euro. Un aiuto alle famiglie ma anche agli operatori di un settore, il turismo, tra i più penalizzati. Ma a chi spetta questo Bonus Vacanze, in quale misura e per che tipo di servizio potrà essere utilizzato? Sicuramente per uno dei servizi offerti dalla KiteGeneration in Sardegna, tra cui noleggi e corsi Kitesurf, windsurf, SUP e per peronattare presso la struttura della KiteGeneration a Punta Trettu, Nel Sud Ovest della Sardegna! Scopriamo i dettagli di seguito!

A chi spetta il bonus Vacanze? In quale misura?

Il Bonus Vacanze, sotto forma di un credito per il periodo d’imposta 2020, spetta ai nuclei familiari con un reddito ISEE non superiore a 50.000 euro. Il bonus può essere utilizzato per il pagamento dei servizi offerti in ambito nazionale dalle imprese turistico-ricettive a partire dal 1° luglio e fino al 31 dicembre 2020, per un importo pari a:
  • 500 euro per ogni nucleo familiare superiore a due persone;
  • 300 euro per i nuclei familiari composti da due persone;
  • 150 euro per i nuclei familiari composti da una sola persona.
Dal punto di vista operativo, il credito del bonus vacanze, sarà fruibile nella misura del 80 per cento in forma di sconto sul corrispettivo dovuto, anticipato dai fornitori presso i quali la spesa è stata sostenuta e per il restante 20 per cento in forma di detrazione di imposta in sede di dichiarazione dei redditi da parte dell’avente diritto.
Per vedersi riconosciuto il credito, pena la decadenza:
  • le spese dovranno essere sostenute in un’unica soluzione in relazione ai servizi resi da una singola impresa turistica,
  • il totale del corrispettivo dovrà essere documentato da fattura elettronica o documento commerciale, nel quale è indicato il codice fiscale del soggetto che intende fruire del credito,
  • il pagamento del servizio deve avvenire senza l’ausilio, l’intervento o l’intermediazione di soggetti terzi.

Il bonus vacanze potrà essere utilizzato presso la KiteGeneration per uno dei servizi offerti tra cui noleggio e corsi kitesurf, windsurf, SUP, pernottamenti presso la struttura di Punta Trettu.

Le dichiarazioni di Conte sulle Vacanze 2020

Il premier Conte ha invitato gli italiani a trascorrere le vacanze in Italia, affermando in un’intervista che “quest’estate non staremo al balcone e la bellezza dell’Italia non rimarrà in quarantena. Potremo andare al mare, in montagna, godere delle nostre città. E sarebbe bello che gli italiani trascorressero le ferie in Italia. Attendiamo l’evoluzione del quadro epidemiologico per fornire indicazioni precise su date e programmazione”.

Magari imparando il kitesurf, aggiungiamo noi della KiteGeneration! Vieni a Punta Trettu in Sardegna e godita la tua Vacanza in Sardegna con il Bonus Vacanze!

FIV, IKO o VDWS?

FIV, IKO o VDWS?
Vorresti partecipare ad un corso kitesurf e non sai se affidarti ad una scuola kitesurf che utilizza una metodologia di insegnamento IKO piuttosto che VDWS o FIV?

Leggi questo articolo per capire le differenze tra queste organizzazioni / associazioni / federazioni di Kitesurf e vela e fai la tua scelta: FIV, IKO o VDWS?

IKO e VDWS

La VDWS (Deutscher Windsurf- und Wassersportverband)) e la IKO (International Kiteboarding Organization) sono organizzazioni / associazioni internazionali che hanno perfezionato una propria metodologia d’insegnamento per gli sport legati al vento e all’acqua; tali metodologie, pur offrendo un buon approccio al mondo dell’insegnamento del kitesurf / vela,  non sono riconosciate dalla Sailing World (Federazione Internazionale di vela). L’obiettivo della IKO e della VDWS è quello di diffondere in maniera sicura il kitesurf.

Da quando hanno cominciato a insegnare le loro metodologie di insegnamento al kitesurf, negli anni 2000, la IKO la VDWS si sono diffuse costantemente nel mondo.

IKO e VDWS hanno creato una propria metodologia didattica suddivisa generalmente suddivisa a livelli di competenze. I tre livelli di insegnamento della IKO, per esempio , sono:

  • IKO Livello 1: Discovery – Al livello Discovery vengono insegnati i principi fondamentali del kitesurf. Oltre alla teoria sul kitesurf, vengono insegnate le procedure di montaggio del kite e alcune esercizi di controllo del kite.
  • IKO Livello 2 : Intermedio. Al livello intermedio, si pratica il controllo del kite e si imparano il body-drag e le partenze dall’acqua.
  • IKO Livello 3 : Indipendente – Al livello indipendente si imparano le manovre per una corretta navigazione così come le manovre di cambio di direzione.

Corso istruttori IKO / VDWS

Per diventare istruttori IKO / VDWS di primo livello bisogna iscriversi ad un corso da loro organizzato e, versando una quota di iscrizione che varia 600 euro a circa 1300, dopo un corso di alcuni giorno a cui solitamente segue una fase pratica e un tirocinio, si può ottenere un certificato di istruttore Kitesurf IKO / VDWS se si viene considerati idonei.

FIV

La FIV (Federazione Italiana Vela) è una federazione di vela no-profit a livello internazionale, riconosciuta dalla Sailing World (Federazione Internazionale di Vela).

Nata nel 1927 in Italia, la FIV ha come obiettivo quello della diffusione della vela (kitesurf compreso) in modo sicuro.

La FIV ha una metodologia didattica a fasi. Tale metodologia di insegnamento è riconosciuta dalla Sailing World e al momento è la unica valida in Italia.

Corso istruttori FIV

Per partecipare al corso istruttori FIV di primo livello bisogna innanzitutto superare una prova di ammissione che consiste in:

  • Un test su di teoria sul mare, sul vento e sul kitesurf
  • Una prova pratica col gommone
  • Una prova pratica col Kitesurf.

Una volta superata la prova di selezione, si parteciperà a:

  • un corso di teoria da 50 ore
  • un tirocinio da 120 ore
  • un corso finale di teoria da 60 ore
  • un esame finale davanti ad una commissione di tecnici federali.

FIV, IKO o VDWS: conclusioni

  • La FIV, ha una metodologia di insegnamento riconosciuta dalla Sailing World ed è l’unica organizzazione / associazione al momento riconosciuta in Italia. 
  • Gli istruttori FIV seguono un percorso di pratica certificato dalla Sailing World.
  • La diffusione nel mondo delle scuole IKO e VDWS è superiore rispetto alle scuole FIV, presenti esclusivamente in Italia.

KiteGeneration utilizza, al momento, per i propri corsi kitesurf, sia la metodologia di insegnamento IKO che FIV.

Dai uno sguardo ai nostri corsi e scegli quello che meglio soddisfa le tue esigenze:Corso kitesurf giornaliero (2 ore),

Red Bull King Of The Air 2020: Vince Jesse Richman, secondo Nick Jacobsen e terzo Aaron Hadlow

Classifica del Red Bull King Of The Air 2020

Cape Town, Sud Africa, 6 Febbraio 2020 – Si è appena conclusa l’edizione 2020 del Red Bull King of the Air 2020. con la vittoria dello scatenato Jesse Richman. L’americano,  alla seconda vittoria in carriera al King Of The Air (KOTA), ha avuto la meglio, dopo sette ore di competizione e 34 manche, su Nick Jacobsen, secondo classificato, e su Aaron Hadlow, giunto terzo in classifica.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Wow, just wow. So stoked to take it home. 2020 Red Bull King of the Air. Couldn’t do it without all of you and my team… love you guys @juliettebit @northkiteboarding @mysticboarding @redbullza @happycampers_ @hayden58_za @nick_jacobsen @marcjacobskite @jontynorton @holleybutler @klauswarkentin @mikeraper @elaine_richman @joelerichman @shawnrichman @healthyhappywild @evarichman @grahamhowes @dirtyhabitstv — @northkiteboarding @mysticboarding — @redbullza #redbullkingoftheair — #kitesurfing #kiteboarding #kiting #Maui #hawaii #surfing #surf #skate #skateboarding #snowboarding #wakeboarding #skiing #extreme #sports #athlete #freediving #la #ny #losangeles #newyork #photography #fashion #actionsports #barrel #bigwave #northkiteboarding #WeareNorth — Get Stoked // Join The Premier Club ~Link in profile~

Un post condiviso da Jesse Richman (@jesserichman) in data:

Le sue prime parole di Jesse Richman dopo la vittoria sono state: “E’ fantastico condividere questa vittoria con mia figlia, appena nata, e con i fantastici spettatori del Red Bull King of the Air”.

Red Bull King Of The Air 2020 in Cape Town, Sud Africa
King Of The Air 2020

Ricordiamo che sia Jesse Richman che Nick Jacobsen utilizzano i nuovi Kites della North Kiteboarding. Che sia il preludio ad un nuovo dominio degli atleti North? Vedremo.

Di seguito riproponiamo il video delle semifinali e della finale del King Of The Air 2020.

L’elenco degli atleti partecipanti al King Of The Air 2020

Gli atleti che hanno partecipato al King Of The Air 2020 sono stati 24. Tra questi, per la prima volta in assoluto, ha partecipato al Kite Of The Air, anche una una donna: Angely Bouillo.

I 24 atleti del KOTA sono stati scelti in questo modo:

  • i 6 migliori atleti del King Of The Air 2019.
  • 14 atleti selezionati per i video d’ammissione;
  • 4 atleti provenienti dalle gare satellite.

Tra i 14 atleti selezionati per i video e i 4 atleti provenienti dalle gare satellite, si è svolta una gara eliminatoria in cui, i primi sei classificati, si sono aggiunti ai 6 migliori atleti del King Of The Air 2019.

Prima del main event (1-16 febbraio 2020) ci sarà una eliminatoria tra i 14 rider provenienti dai video e i 4 dalle gare satelliti. Alla fine si classificheranno al main event i primi 6.

Ecco di seguito l’elenco dei partecipanti al KOTA 2020.

I primi sei atleti del King Of The Air 2019

  1. Kevin Langeree (NED)
  2. Jesse Richman (USA)
  3. Liam Whaley (ESP)
  4. Nick Jacobsen (DEN)
  5. Lasse Walker (NED)
  6. Aurelien Petreau (FRA)

I quattro atleti provenienti dalle gare satelliti

  1. Lewis Crathern (
  2. Luis Alberto Cruz (
  3. Stuart Downey (
  4. Ross-Dillon Player (RSA)

I 14 rider scelti per i video

  1. Steven Akkersdijk (NED)
  2. Angely Bouillot (FRA), l’unica donna partecipante
  3. Airton Cozzolino (ITA)
  4. Ryan De Witte (NED)
  5. Joshua Emanuel (RSA)
  6. Janek Grzegorzewsky (POL)
  7. Aaron Hadlow (GBR)
  8. Clemet Huot (FRA)
  9. Marc Jacobs (NZ)
  10. Posito Martinez (DOM)
  11. Antonin Rangin (FRA)
  12. Reno Romeu (BRA)
  13. Oswald Smith (RSA)
  14. Jason van der Spuy (RSA)

North Kiteboarding, Duotone, Cabrinha: una rivoluzione nel kitesurf per il 2020!

North KB contro Duotone

North Kiteboarding – Duotone ?! DuotoneNorth?! Vecchio NorthNuovo North?! North – Cabrinha?! Cosa sta succedendo attorno a questi brand? Perché anche Cabrinha è coinvolta nella storia tra North e Duotone? Effettivamente c’è stata poca chiarezza e un bel po di confusione. Qua di seguito cercheremo di fare un po di chiarezza e capire cosa è successo tra North Kiteboarding, Duotone e Cabrinha.

North Technology Group e Boards & More

North Kite
North Kiteboarding

Fondamentalmente, ci sono due nomi coinvolti in questa storia:

  1. North Sails / North Technology Group (NTG),
  2. Boards & More

La North Sails / NTG è una società americana di proprietà di Oakley Capital, fondata nel 1957 a San Diego, in California. La North Sails produce apparecchiature ad alta tecnologia ed equipment per la vela.

La Boards & More è una società con sede in Austria fondata nel 2000, che possiede marchi come Fanatic, ION, F2, Maui, A.R.T..

Licenza tra North Sails e Boards & More per l’utilizzo del marchio North Kiteboarding

Tra la North Sails e la Board & More esisteva un accordo commerciale in base al quale Boards & More poteva utilizzare il marchio North Kiteboarding per realizzare kites, dare i nomi ai prodotti realizzati, mettere sotto contratto e sponsorizzare riders, in cambio del pagamento di royalties alla North Sails / North Technology Group.

In altre parole, intorno agli anni 2000, quando il kiteboarding iniziò a crescere esponenzialmente, Boards & More decise di lanciare una nuova linea di prodotti per il kitesurf utilizzando il norme North Kiteboarding, sotto concessione da parte della North Sails.

L’accordo tra Boards & More e North Sails per l’utilizzo del marchio North Kiteboarding da parte della Boards & More sembrava andare bene fino a quando, intorno al 2014, la North Technology Group cambiò proprietà. Ora, non è chiaro se i nuovi proprietari di North Sails avessero idee diverse rispetto ai precedenti proprietari per i marchi in licenza o se ci fossero dei problemi per royalties non pagate da parte di Boards & More a North Sails (il vero motivo lo conoscono solo le parti interessate), sta di fatto che, alla fine del 2017, l’accordo di licenza tra North Technology Group e Boards & More, per l’utilizzo del marchio North Kiteboarding, giunse al termine.

Vecchia North Kiteboarding
Duotone Logo

Dopo la conclusione di questo accordo di licenza, Boards & More ha preso la decisione di continuare a produrre i propri prodotti da kitesurf con il marchio Duotone, riciclando un marchio di cui era già proprietaria. La North Technology Group, invece, ha annunciato che avrebbe sviluppato e lanciato una nuova linea di prodotti per il kitesurf a partire dalla stagione 2019-2020 con il famoso marchio North Kiteboarding.

E Cabrinha cosa c”entra in tutto questo?

Cabrinha Logo

E perché anche Cabrinha è spesso citata nella diatriba tra Duotone e North Kiteboarding?

Nel 2018, la North Technology Group, ansiosa di rientrare velocemente nel mercato del kiteboarding, annunciò che avrebbe sviluppato e lanciato una nuova linea di prodotti, col famoso brand North Kiteboarding, per la stagione 2020. Incominciò così a reclutare delle risorse leader nel mondo del kitesurf. Molte delle persone reclutate dalla North provengono dalla Cabrinha, di proprietà di Neil Pride Group (gruppo NP): persone come Klaus Warkentin (attualmente direttore vendite NorthKB), David Mead (attualmente direttore operazioni e produzione NorthKB), Mike Raper (attualmente Il direttore del marchio e del prodotto di NorthKB, Hugh Pinfold (attualmente direttore del design e dell’ingegneria di NorthKB).

Questo è il motivo per cui Cabrinha è spesso associata alla storia North Kiteboarding – Duotone.

North Kiteboarding e Mystic

Il 9 gennaio 2019, North Sails / NTG ha annunciato di aver assorbito Mystic e altri marchi di MBrands e di aver creato un nuovo gruppo chiamato North Actionsports Group, che raggruppa North Kiteboarding, Mystic and Magic Marine.

Il quartier generale della North Actionsports Group è nei Paesi Bassi, dove MBrands aveva il suo quartier generale.

North Kiteboarding, Duotone, Cabrinha nel 2020

In sintesi, nella stagione 2020:

  • North Kiteboarding lancerà una nuova linea di attrezzature per aquiloni,
  • i vecchi Rebel, Dice, Neo, Vegas, ecc. saranno marchiato Duotone,
  • Cabrinha, probabilmente, avrà qualcosa in meno rispetto agli anni precedenti.