Che cosa è il Kite Surf?

Il kitesurf è uno sport a vela che consiste nel planare sull’acqua con una tavola sfruttando la forza del vento grazie ad n grade aquilone (kite in inglese) manovrabile.

La tavola normalmente utilizzata per la pratica del kitesurf è una tavola simmetrica, simile ad una tavola da wake-board, detta twin tip o tavola bidirezionale. Per la pratica di questo sport posssono essere utilizzate anche tavole differenti e, a seconda della tavola utilizzata, il kitesurf viene chiamato con nomi diversi:

  • teoricamente si dovrebbe utilizzare il termine kitesurf se la tavola utilizzata è una tavola simile ad un surf;
  • se la tavola utilizzata è una tavola da Hydro Foil, si parla di Kite Foil o semplicemente di Foil.

Ad ogni modo, Kitesurfing, Kiteboarding, Kitesurf, Kite Surf, Kite, nella lingua parlata sono sinonimi e, nella maggior parte dei casi, si parla di kitesurf o semplicemente di kite riferendosi al kitesurf praticato con qualunque tipo di tavola.

Lo sport simile al kitesurf che si pratica sulla neve o sul ghiaccio, utilizzando un kite congiuntamente ad uno snowboard o a degli sci, viene chiamato Snow-kite.

Diversi stili di fare kite

Nel Kitesurf esistono diversi stili e discipline e queste possono essere riassunte come segue:

  • Freestyle: letteralmente “Stile libero”, che consiste nell’utilizzare la tavola e il kite per saltare e raggiungere un’altezza tale da consentire la possibilita’ di fare grandi salti, rotazioni e tricks vari;
  • Freestyle Surf: una disciplina che consiste nel realizzare salti, rotazioni e tricks vari con il kite e con una tavola da surf senza straps;
  • Freeride: con free-ride si intende il “divertirsi’ facendo kite, normalmente con una tavola bidirezionale, imparando nuove manovre senza seguire uno stile in particolare;
  • Kite Speed (Velocità): consiste nell’effettuare gare di velocità cercando di stabilire nuovi record utilizzando una speciale tavola direzionale più lunga e con delle pinne più grandi di una tavola da kite normale;
  • Formula Kite (Racing Course): consiste nello sfidarsi, sia in velocita’ che utilizzando tattiche differenti di regata, lungo un percorso;
  • Kite Foil: consiste nel fare kitesurf con una tavola da Hydro Foil;
  • Slalom: una gara che consiste nel fare slalom fra delle/ boe;
  • Kite Wave: fare kite tra le onde con una tavola direzionale simile ad un surf;
  • Salto / Big Air: consiste nell’effettuare grandi salti col kite;
  • Wake-Style: consiste nel fare tricks e manovre usando una tavola bidirezionale munita di scarponi (detti blindings);
  • Kite Park: disciplina simile al wake style in cui i kiters effettuano, salti e manovre utilizzando delle rampe e degli ostacoli.

Le Classi nel Kite

L’International Kiteboarding Association (IKA) è l’organizzazione che si occupa di gestire e amministrare il kitesurf  a livello mondiale.

La IKA è riconosciuta dalla Word Sailing, l’organo responsabile di governare la Vela a livello mondiale (dal windsurf fino al kitesurf e alla Coppa America), che a sua volta è riconosciuto dal Comitato Olimpico Internazionale.

Le Classi di Kite riconosciute dalla IKA sono:

L’attrezzatura da kitesurf

L’attrezzatura fondamentale per la pratica del kitesurf è formata da:

  • Kite;
  • Linee e barra;
  • Harness (trapezio);
  • Tavola.

I kites possono avere varie dimensioni (le misure comuni vanno da 5 a 18 m2). La dimensione del kite da utilizzare dipende dal peso del kiter e dall’intensità del vento. Ad ogni modo, il principio generale per la scelta della dimensione del kite da utilizzare è che al crescere dell’intensità del vento, la dimensione del kite da utilizzare decresce.

I kites in commercio sono fondamentalmente di due tipi: kite gonfiabili (o inflatables kites o pump kites) e Foil Kites (o cassonati).

I kites gonfiabili hanno una struttura gonfiabile, da gonfiare con una pompa, che ha due funzioni:

  • la prima è quella di aiutare il kite a tenere la forma corretta per poter volare adeguatamente,
  • la seconda è quella di permettere al kite di galleggiare sull’acqua e di essere rilanciato con facilita’.

Per tale motivo i kites gonfiabili vengono generalmente utilizzati in acqua.

I kites gonfiabili possono avere diverse forme, dai C-Kite così denominati a causa della loro forma a lettera di C, fino ai Bow-Kite (kites ad arco) cosi’ chiamati per la loro forma ad arco. La maggior parte dei produttori di kite producono tanti tipi e forme di kites: di norma i C-kites vengono utilizzati ​​per il freestyle / wakestyle (i C Kite sono piu’ reattivi ma hanno un rilancio dall’acqua più difficile e meno depower rispetto ai Bow kites, che vengono utilizzati per tutte le altre discipline e stili di kite.

I Foil Kite o Cassonati, invece, sono simili ai paracaduti e possiedono delle “celle d’aria” che si gonfiano con il vento (non hanno bisogno di essere gonfiate con una pompa). Solitamente i Cassonati sono utilizzati sulla terra / in spiaggia (per il kite buggy) e sulla neve (per lo snow-kite); vengono utilizzati anche sull’acqua da rders che partecipano a regare (Formula kite e Kite Foil) in quanto riescono a far regatare il rider con degli angoli di bolina e di lasco non paragonabili a quelli dei kites gonfiabili.

Le tavole utilizzate per la pratica del kitesurf sono prevalentemente simmetriche, simile ad una tavola da wake-board. Queste tavole vengono chiamate twin-tip.

Tra le tavole direzionali, le piu’ utilizzate per la pratica del kitesurf sono:

  • le tavole da Surf Kite, simili alle normali tavole da surf, utilizzate di norma sulle onde;
  • le tavole da Kite Foil (o semplicemente Foil), che grazie ad una pinna da hydro foil montata sotto di esse, consente al rider di potersi sollevare sopra la superficie dell’acqua. La pinna da hydro foil è simile ad minuscolo aereo montato su un pinna (detta mast) di circa un metro che, una volta raggiunta la velocita’ necessaria, solleva la tavola e il rider fuori dall-acqua.

Le linee, solitamente in numero di 4 o 5, hanno una lunghezza tra 15 e 30 m e collegano il kite alla barra, con la quale si controlla il kite, e al trapezio, allacciato al corpo del rider, che trasmette la forza del kite al kiter stesso.

Altri accessori che sono o potrebbero essere necessari e / o richiesti per la pratica del kitesurf sono la pompa (per poter gonfiare i kites gonfiabili), il casco, il giubbotto salvagente e la muta.

Imparare il kitesurf

Il Kitesurf è stato influenzato e ha preso spunto da una serie di altri sport come il wakeboard, lo snowboard, il windsurf, il surf e il parapendio.

Le persone che praticano uno o più dei suddetti sport,  possono percio’ trarre vantaggio, nell’apprendimento del kitesurf, da una sorta di predisposizione pregressa.

Ad ogni modo, anche coloro che non hanno mai praticato nessuno degli sport nominati in precedenza, possono imparare il kite rapidamente: il kite può sembrare difficile e complicato, ma è invece uno degli sport acquatici più facili da imparare e solitamente il tempo di apprendimento risulta molto breve e la maggior parte delle persone sono in grado di poter fare le prime planate dopo appena poche ore di lezione.

Chi pratica il kite surf ha un sacco di benefici dal punto di vista fisico: infatti per la pratica del kitesurfing si utilizza tutto il nostro corpo, dalle gambe utilizzate per spingere sulla tavola e contrastare la potenza del kite, fino alle braccia utilizzate per controllare e manovrare l’aquilone.

Se avete intenzione di imparare questo sport fantastico, il consiglio che KiteGeneration vuol darvi è quello di frequentare un corso di kite surf ed evitare il “fai da te”, per le seguenti ragioni:

  • Il Kiteboarding può essere uno sport pericoloso: anche che gli aquiloni moderni possiedono numerosi sistemi di sicurezza e sono molto più gestibile rispetto ai loro antenati, anche solo una manovra sbagliata può causare gravi incidenti sia a voi stessi che a coloro che vi stanno attorno.
  • Imparare il kitesurfing con l’attrezzatura giusta è molto più semplice e veloce: chi inizia col fai da te, difficilmente possiede l-attrezzatura giusta per le diverse fasi di apprendimento.

Grazie per l’interesse mostrato e arrivederci al prossimo articolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *